PLAN REVEL – BARDONECCHIA

PLAN REVEL – BARDONECCHIA

L’intervento si collocata in un’area di pregio dal punto di vista morfologico ed ambientale. Un piano inclinato esposto a sud che guarda Bardonecchia, abbracciato da due torrenti (…..); dal cui incontro si genera la Dora di Bardonecchia. Terra tra le montagne e terra tra le acque, ha suggerito la conformazione dei giardini tra le residenze che, aggregate in tipologie a schiera con un sviluppo irregolare si allineano all’andamento delle curve di livello. L’immagine del corso d’acqua per il disegno dei giardini residenziali è riproposto secondo i seguenti termini: Le abitazioni, con giacitura che segue diverse direttrici (delle curve di livello), a tratti spigolose – caratteristica sottolineata anche da una copertura irregolare per andamento e dimensioni delle falde – ma che si strutturano seguendo anch’esse le curve di livello) ricordano le sponde di un corso d’acqua, al cui interno si percorre una promenade plantee. Un’ampia fascia irregolare, informale, sinuosa per lo più disegnata da arbusti e erbacee perenni e poche essenze arboree di dimensione contenuta per non ombreggiare e chiudere le viste alle case all’interno della quale si sviluppa un percorso di distribuzione alle residenze. I giardini si presenteranno quindi come un corso d’acqua/fiume vegetale che rompe con la linearità delle abitazioni, il cui andamento “zigzagante” ricorda le sponde irregolari , a tratti spigolose, dei corsi d acqua che al contempo permette la distribuzione/accesso pedonale alle residenze, mantenendo un’ideale area d pertinenza (più privata/riservata, senza pero delimitazioni/recinzioni) a verde delle singole residenze. Team: Arch. Andrea Cupani,  Arch. Manuele Mossoni, Arch. Ida Lia Russo.