MUSEO VERTICALE – LISSONE

MUSEO VERTICALE – LISSONE

Il Grande Albero Scritto cattura l’attenzione di chi passeggia,  pedala e di chi corre lungo la strada veloce. È una figura gigante, abbracciata da una parte dal filare di tigli esistente, dall’altra da due pini marittimi e da un lieve movimento di terra. Il “Museo Verticale”, dà nuova forma e nuovo significato ad uno spazio infrastrutturale – residuale, anche con la realizzazione di un piccolo giardino, delimitato verso la strada da un lieve movimento di terra – una linea di protezione – ricoperto da un tappeto di Lonicera nitida maigrun, arbusto sempreverde con portamento tappezzante che ne addolcisce le linee. Il Grande Albero, che supera in altezza i tigli esistenti, ha un tronco a sezione quadrata in acciaio corten (m 2,00 x 2,00); irrompe nel giardino, ergendosi da un basamento in calcestruzzo pigmentato bianco: una superficie poliedrica irregolare (h. max m 1,50), spigolosa, frammentata su più livelli, ma ingentilita da gruppi di Cordateria selloana, che invita ad una pausa, oppure a innalzarsi per un colpo d’occhio più ampio sul giardino. In cima al tronco di metallo, una leggera e rigogliosa chioma di Sophora japonica, in un grande vaso collocato in sommità. Il tronco è inciso da una serie di profili di sedie che simbolizzano l’evoluzione e la storia del mobile, dalla tradizione classica alla contemporaneità. Dal repertorio contemporaneo sono stati selezionati pezzi del grande design insigniti dal Compasso d’Oro. Il Grande Albero è di giorno curioso, per l’ordine gigante di oltre 15 metri, compresa la chioma dell’albero, e di sera l’illuminazione mette in scena un’opera suggestiva e attraente. La sua simmetria e il suo posizionamento non privilegiano alcuna vista, favorendo tutte le direzioni. Team: Arch. Andrea Cupani,  Arch. Manuele Mossoni, Arch. Ida Lia Russo.

LAYOUT-A3-COCNCORSO-LISSONE-copy-1

 

LAYOUT-A3-COCNCORSO-LISSONE-copy-2

 

LAYOUT-A3-COCNCORSO-LISSONE-copy-3